La Cattedrale di Granada: un monumento da non perdere!

0
2519
La Cattedrale di Granada
La Cattedrale di Granada

Granada è una città dal fascino intramontabile e scoprire i suoi monumenti è il primo passo per iniziare a conoscerla.

Assolutamente da vedere al vostro arrivo in città è la Cattedrale di Granada o Cattedrale dell’Incarnazione (Catedral de la Encarnación), considerata oggi la più grande espressione di chiesa rinascimentale della Spagna.

La storia della Cattedrale di Granada:

In seguito alla grande Riconquista della città avvenuta nel 1492, i Re Cattolici vollero che venisse eretta una cattedrale a imitazione del modello gotico della Cattedrale di Toledo, proprio dove sorgeva in precedenza la moschea nasride della città di Granada.

L’incarico di progettare la cattedrale fu affidato nel 1518 a Diego de Siloé che ebbe il compito di ideare una nuova pianta del tempio.

Poi per realizzare l’imponente opera nel 1523, vennero chiamati due grandi architetti: Juan Gil de Hontañón e Enrique Egas che stilarono un nuovo progetto in stile rinascimentale.

Nel 1665 i lavori passarono nelle mani di Alonso Cano, che decise l’introduzione di numerosi elementi dello stile barocco evidenti nella facciata principale.

I lavori vennero ultimati nel 1704, 200 anni dopo, ma fu costruita solo una delle due torri progettate da Siloé e in modo parziale: la torre, infatti, doveva essere alta 81 metri, invece dei 57 metri attuali.

Arrivando nei pressi della Cattedrale di Granada, si nota immediatamente la sua grande imponenza e il suo fascino suggestivo, ma i suoi tesori sono racchiusi all’interno.

Qui si notano cinque navate che segnano il percorso dall’entrata alla testata. Ognuna di esse è sostenuta da stupendi capitelli che terminano con degli archi e delle volte di estrema bellezza.

La chiesa misura 115,40 metri per 62,75 metri, mentre la cupola più alta arriva a 45 metri.

La Cappella Reale della Cattedrale di Granada

Accanto alla Cattedrale vi suggeriamo di non perdere la Cappella Reale, voluta nel 1506 da Isabella di Castiglia e il marito Ferdinando di Aragona.

La Cappella doveva diventare il luogo simbolo della Riconquista della città di Granada con la cacciata dei Mori, ma anche la tomba dove far riposare i loro resti dopo la morte.

Oggi questo monumento in autentico stile gotico offre la visita ai due doppi mausolei, che corservano da un lato le spoglie di Isabella e di Ferdinando e dall’altro quelle della figlia Giovanna la Pazza, del marito Filippo il Bello e del loro piccolo figlio Miguel. 

Le opere d’arte conservate nella Cappella Reale sono di grande pregio e interesse. Nella Sacrestia trovate un piccolo museo con la spada di Ferdinando, lo scettro di Isabella e la corona d’argento, mentre per gli amanti dell’arte figurativa da non perdere un Cristo del Perugino, l’Orazione nell’orto di Botticelli e i quadri fiamminghi tra cui un Memling e un incerto Van Der Weyden.

Orari e prezzi del biglietto:

Cattedrale di Granada

La Cattedrale di Granada si trova nel centro della Plaza de las Pasiegas.

E’ visitabile dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18.30, mentre la domenica e i festivi la Cattedrale è aperta al pubblico dalle 15 alle 18.

Il costo di entrata è gratuito per i bambini sino a 12 anni, mentre costa 5 euro per tutti gli altri.

Buona visita!

Ti potrebbe interessare anche:

I musei di Granada da non perdere

Se ti è piaciuto questo articolo segnalalo ai tuoi amici con i tasti di condivisione che trovi qui di seguito. Se invece vuoi segnalarci approfondimenti, errori o delucidazioni utilizza il modulo commenti in fondo all’articolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − 8 =