Le cuevas del Sacromonte

La vera culla del flamenco

0
1372
Le Cuevas del Sacromonte
Le Cuevas del Sacromonte

Se sei a Granada non puoi perderti le “cuevas” del Sacromonte

Come è noto la città di Granada ha rappresentato negli anni un territorio confine tra due civiltà in conflitto: quella arabo mussulmana e quella cristiana.

L’Alhambra è l’esempio più spettacolare degli 800 anni di dominio arabo e le montagne intorno alla città (quelle dell’Alpujarra e della Sierra Nevada). Le cuevas sono una testimonianza naturale di questa frontiera, da un lato quella dei ricchi signori e dall’altra quella dei poveri del popolo.

Il quartiere del Sacromonte è uno dei posti più caratteristici della città di Granada soprattutto per sue le grotte (cuevas) anticamente abitate da popolazioni gitane e che oggi ospitano le tradizionali feste flamenche.

Con una spettacolare vista sulla città di Granada e imbiancate dentro e fuori per riflettere meglio la luce le grotte erano suddivise in vari ambienti.

Per le caratteristiche climatiche (ambiente fresco d’estate e caldo d’inverno), alla posizione strategica come nascondigli, nonché a un concetto di condivisione sociale delle “abitazioni”, queste grotte hanno sempre rappresentato un rifugio naturale per l’uomo.

Alcune leggende raccontano che le grotte furono scavate intorno nel XVI secolo, quando ebrei e musulmani espulsi dalla città cercarono rifugio nelle colline vicine.

Nel 1800 alcune popolazioni gitane, in seguito ad un lungo pellegrinaggio, si insediarono stabilmente nelle grotte per formare parte della cultura gipsy spagnola.

I gitani vissero stabilmente in questi luoghi fino a quando le inondazioni e le evacuazioni forzate del 1960 ne ridussero notevolmente la popolazione.

Secondo la leggenda fu proprio in queste grotte che nacque il genere del flamenco (la tradizionale zambra), uno stile musicale e di danza tipico dell’Andalusia, con balli e canti autoctoni, oggi parte della cultura e della tradizione musicale spagnola.

Anche se in parte influenzato dai gitani, che oggi ne custodiscono il patrimonio, il flamenco ha le sue radici nella cultura musicale dei Mori e degli Ebrei dal quale eredita stilemi e strutture armoniche.

Oggi le cuevas del Sacromonte ospitano locali e ristoranti dove poter ammirare i più autentici spettacoli di flamenco che ti faranno vivere un’esperienza indimenticabile.

Oltre a le cuevas del Sacromonte ti potrebbe interessare:

Spettacoli di flamenco a Granada

Se ti è piaciuto questo articolo segnalalo ai tuoi amici con i tasti di condivisione che trovi qui di seguito. Se invece vuoi segnalarci approfondimenti, errori o delucidazioni utilizza il modulo commenti in fondo all’articolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 2 =