Salobreña, roccaforte militare della costa di Al-Andalus

0
63
Salobreña
Salobreña

Arroccata su una roccia, Salobreña conserva ancora la struttura medievale della sua fase araba, con una fitta rete di stradine, labirinti e case bianche.

Questa città gode di un clima tropicale privilegiato, con temperature medie annuali di 20 gradi, minime di 14 e massime di 32, che consente di godersi le sue spiagge per la maggior parte dell’anno.

I punti salienti di Salobreña includono il Castello Arabo, la Chiesa del Rosario, la Medina, il Parque de la Fuente, il Parco di Gambullón.

L’Ufficio del Turismo Municipale organizza interessanti visite in questi luoghi o visite alla fertile valle che si estende fino ai piedi del Castello, con coltivazioni di canna da zucchero e alberi da frutto tropicali.

Il Castello arabo

La sua primitiva struttura militare e la sua evoluzione fino al quindicesimo secolo sono sconosciute. La sua costruzione era motivata da ragioni strettamente difensive.

Tuttavia, durante il periodo nazarí ospitò anche un palazzo reale che fu utilizzato anche come prigione reale.

Dopo la consegna di Salobreña alle truppe cristiane nel 1489, Francisco Ramirez de Madrid , come premio per la conquista di Salobreña fu nominato dai Re Cattolici comandante della fortezza di Salobreña.

Il castello mantenne la sua importanza militare fino al XVIII secolo e nel tempo venne sottoposto a importanti lavori di riforma, manutenzione e condizionamento. 

Ma nel 1849, in evidente stato di rovina, fu completamente abbandonato perché ormai inutile dal punto di vista militare. Oggi può essere visitato.

Centro storico

Il centro storico di Salobreña è formato da quartieri, costruiti all’interno delle mura (ormai scomparse) che nel Medioevo fortificavano la città.

Questa importante fortificazione rese la città uno dei luoghi più inespugnabili della costa di Al-Andalus.

Tra i suoi monumenti più interessanti ci sono il castello arabo, la chiesa del Rosario, il Bóveda, il Paseo de las Flores, i Miradores del Postigo, la Frascunda e l’Albaycin.

Un po’ di storia

I primi insediamenti di Salobreña risalgono al Neolitico e in seguito anche Fenici, Romani e Arabi lasciarono il segno nella storia della città.

Durante il periodo neolitico, i pastori seminomadi che frequentarono l’area, lasciarono la Cueva del Capitán come segno della loro cultura.

Nell’VIII secolo a.C. i Fenici sbarcarono sulle sue rive, costruendo una fabbrica per la salatura del pesce.

Sotto il dominio romano fu integrata nella provincia di Bética, mentre durante la dominazione romana fece parte dell’itinerario che univa Castulo con Malaka.

Il periodo musulmano iniziò nel 713 d.C., quando Abdelaziz, figlio di Muza, occupò i suoi territori. Questo periodo durò otto secoli e il suo massimo splendore fu nel periodo nazarí del regno di Granada, quando cambiò il nome in Salubania.

Nel 1489 i cristiani conquistano Salobreña, al comando del capitano di artiglieria Francisco Ramírez di Madrid.

Video

Paese: Salobreña
Distanza da Granada: 60 km
Numero di abitanti: 12.500 circa
IndirizzoPlaza Juan Carlos I, 1, 18680 Salobreña, Granada, Spagna
Telefono+34 958 61 00 11

Sito ufficialeturismosalobrena.com

Oltre a Salobreña ti potrebbe interessare anche:

Almuñécar l’antica colonia fenicio-romana di Sexi

La Costa Tropicale di Granada

Se ti è piaciuto questo articolo segnalalo ai tuoi amici con i tasti di condivisione che trovi qui di seguito. Se invece vuoi segnalarci approfondimenti, errori o delucidazioni utilizza il modulo commenti in fondo all’articolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 3 =