Castelli da visitare in provincia di Granada

0
285
Castelli da visitare in provincia di Granada
Castelli da visitare in provincia di Granada

Vi proponiamo castelli da visitare in provincia di Granada, 5 idee per la vostra visita nella magnifica provincia andalusa.

Castillo de La Calahorra

Il Castello de La Calahorra sorge sulla collina che domina il Marchesato di Zenete, nell’omonimo comune, in provincia di Granada.

Costruito tra il 1509 e il 1512, sulle rovine di un altro antico castello di origine araba, il suo progettista non è noto, ma i suoi principali architetti sono Lorenzo Vázquez, Michele Carlone e Don Rodrigo Díaz De Vivar y Mendoza.

Il castello de La Calahorra è di notevole importanza artistica, essendo il primo edificio spagnolo in cui vengono introdotte le nuove forme rinascimentali.

Il suo esterno non ha l’aspetto di un castello medievale, in quanto i bastioni o le torri degli angoli sono circolari e non squadrate, come in epoca medievale. Le sue mura sono arrossate dalla polvere delle miniere di Alquife.

La pianta è rettangolare e nelle sue quattro angolazioni ci sono due torri. Ha un cortile centrale e due piani rialzati. L’unica porta di accesso si apre sulla parete est, è di piccole dimensioni, con un arco semicircolare, e sopra di essa si trova lo stemma della seconda moglie del marchese di Zenete, María de Fonseca.

Ritrovalo sulla mappa

Castillo de San Miguel – Almuñécar

Il Castello di San Miguel si trova su una piccola collina con accesso al mare, chiamato San Miguel, e si estende sulla Rocca di San Cristóbal, nella città di Almuñécar, provincia di Granada.

Il castello fu utilizzato come residenza reale nella dinastia nazarí, oltre che come custode dei tesori e prigione per importanti personaggi. Rappresentava una delle più importanti fortificazioni nazarí sul confine marittimo.

Nel 1489 fu donato ai Re Cattolici. Sotto Carlo I venne svolto un importante lavoro di costruzione perché, su richiesta del re, furono erette una serie di torri e un fossato e fu fornita l’artiglieria.

Durante la guerra di indipendenza, l’edificio fu smantellato dai francesi. A metà del XIX secolo fu abbandonato e cominciò ad essere utilizzato come cimitero. Fu dichiarato Monumento Nazionale nel 1931. Oggi è di proprietà del comune di Almuñécar e ospita il Museo Storico della città.

Ritrovalo sulla mappa

Alcazaba de las Siete Torres – Orce

L’ Alcazaba de las Siete Torres si trova nel comune di Orce, in provincia di Granada.

La costruzione dell’Alcazaba de las Siete Torres iniziò in un periodo medievale indeterminato e la sua origine precisa è tutt’oggi sconosciuta. La Torre dell’Omaggio è stata costruita contemporaneamente al castello e ricostruita nel XVI secolo dopo un terremoto.

L’Alcazaba de las Siete Torres è in buone condizioni, è stato restaurato e ospita un Museo Archeologico con i resti rinvenuti nel comune. È stato dichiarato Monumento Nazionale nel 1973.

Castillo de Salobreña

Il Castello di Salobreña si trova nell’omonimo borgo, in provincia di Granada, sul versante occidentale della sommità di una montagna, alta circa 80 metri.

L’esistenza di una fortificazione a Salobreña è nota fin dal X secolo. Anche se la pianta corrisponde alla costruzione edificata in epoca nazarí, il castello arabo è il risultato del contributo dell’architettura musulmana e cristiana.

Durante il periodo nazarí ospitò un palazzo reale, che fu utilizzato anche come prigione reale.

Il castello è ben noto per le leggende e fu conquistato dai re cattolici nel 1489. Le relazioni del 1739 indicano che fu abbandonato in quanto non strategico per difendere la costa.

Dalle sue torri si può contemplare Salobreña, la fertile pianura, il Mar Mediterraneo, le montagne circostanti e anche la Sierra Nevada. Ora è completamente restaurato.

Ritrovalo sulla mappa

Alcazaba de Guadix

Il comune di Guadix si trova nella parte orientale della provincia di Granada, non lontano dal capoluogo di provincia. Il castello domina e difende la città di Guadix, una delle più importanti della provincia di Granada.

I primi coloni furono gli Iberici, ma fu con i musulmani che la città cominciò ad assumere un ruolo di importanza. Nel 1489 la piazza fu conquistata dai Re Cattolici attraverso un patto che avrebbe rispettato i suoi abitanti in cambio della trasformazione della moschea in chiesa. Nel XVI secolo parte dell’edificio fu distrutto. Nel 1931 fu dichiarato Monumento Nazionale.

Un aspetto curioso di questa cittadella di Granada è il suo caratteristico colore rossiccio dovuto al materiale utilizzato per la sua costruzione. Questo materiale è stato ampiamente utilizzato nelle opere difensive musulmane.

Nel XVI secolo, l’Alcazaba de Guadix fu notevolmente distrutta e fu restaurata in seguito utilizzando materiali diversi da quelli originali notevolmente evidenti in alcuni punti della struttura difensiva.

Ritrovalo sulla mappa

Oltre ai Castelli da visitare in provincia di Granada ti potrebbero interessare:

Monachil: un paese a soli 8 km da Granada

Alpujarra Granada

I percorsi dell’eredità Al-Andalus

Se ti è piaciuto questo articolo segnalalo ai tuoi amici con i tasti di condivisione che trovi qui di seguito. Se invece vuoi segnalarci approfondimenti, errori o delucidazioni utilizza il modulo commenti in fondo all’articolo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

sette + 18 =